La mappa concettuale è uno strumento grafico per rappresentare informazione e conoscenza, teorizzato da Joseph Novak negli anni settanta. Le mappe servono per rappresentare in un grafico le proprie conoscenze intorno ad un argomento specifico secondo un principio cognitivo di tipo costruttivista, per cui ciascuno è autore del proprio percorso conoscitivo all’interno di un contesto, e mirano a contribuire alla realizzazione di apprendimento significativo, in grado cioè di modificare davvero le strutture cognitive del soggetto e contrapposto all’apprendimento meccanico, che si fonda sull’acquisizione mnemonica.

IMAGINE 1

COME SONO FATTE. Secondo l’impostazione originale di Novak, le caratteristiche essenziali di una mappa concettuale sono le seguenti:

  • è costituita da nodi concettuali, ciascuno dei quali rappresenta un concetto elementare e viene descritto con un’etichetta apposta ad una sagoma geometrica;
  • i nodi concettuali sono collegati mediante delle relazioni di tipo connessionista: in genere vengono rappresentate come frecce orientate e dotate di un’etichetta descrittiva (in genere un predicato);
  • la struttura complessiva è di tipo reticolare (che quindi potrebbe non presentare un “preciso punto di partenza”).

COME SI REALIZZANO.  Utili accorgimenti per realizzare una mappa concettuale sono i seguenti:

  • individuare chiaramente la “domanda focale”, ovvero il tema che si sta descrivendo e che circoscrive l’ambito di analisi;
  • svilupparla per quanto possibile dall’alto verso il basso, considerando le relazioni trasversali una eccezione;
  • adottare una logica di realizzazione di tipo connessionista: prima avviene l’identificazione dei concetti, poi la creazione delle relazioni associative tra di essi;
  • riuscire a collegare i diversi argomenti in modo chiaro e corretto.

Spesso le mappe concettuali sono messe in relazione con le mappe mentali di Buzan. Da queste ultime le mappe concettuali si differenziano per il loro orientamento spiccatamente cognitivo, che le rende particolarmente utili in contesti quali la gestione della conoscenza, la formazione, la risoluzione di problemi. Al contrario le mappe mentali, maggiormente orientate all’ambito creativo, sono utilizzate in chiave evocativa ed emozionale.

L’utilizzo di software per la realizzazione digitale di mappe ha permesso il loro utilizzo anche in ambito operativo. In tal senso sono interessanti quelle applicazioni nelle quali è avvenuta l’integrazione tra:

  • l’espressività delle mappe concettuali;
  • il bagaglio evocativo e la struttura gerarchico-associativa delle mappe mentali;
  • gli strumenti informatici tipici dell’office automation.

Per saperne di più contattaci Tel. 02.5455454